"Si tratta di scene sconvolgenti"

Intervista, 21 agosto 2021: CH-Media; Kari Käli und Anna Wanner

CH-Media: "La consigliera federale Karin Keller-Sutter spiega perché al momento la Svizzera non può fare di più per la gente in Afghanistan e come mai l’UE teme un’ondata migratoria. La Consigliera federale mette inoltre in guardia dalla trappola del cliché nella discussione sul «matrimonio per tutti» e rivela una vicenda personale."

(Questo documento non è disponibile in italiano. Vogliate consultare la versione tedesca.)

Info complementari

Dossier

  • Matrimonio per tutti

    Finora le coppie omosessuali potevano contrarre soltanto un’unione domestica registrata, che non è parificata al matrimonio né dal punto vista simbolico né da quello giuridico. In seguito al Sì del Popolo nella votazione del 26 settembre 2021, in futuro potranno sposarsi anche le coppie dello stesso sesso. Le coppie di donne sposate potranno inoltre ricorrere alla donazione di sperma. Tutte le coppie avranno pertanto gli stessi diritti e obblighi. Il Consiglio federale metterà rapidamente in atto la volontà popolare; secondo la pianificazione attuale le nuove disposizioni entreranno in vigore il 1° luglio 2022. Da allora, le unioni domestiche registrate non potranno più essere contratte ma quelle precedenti potranno essere trasformate in matrimoni.

Comunicati

Per visualizzare i comunicati stampa è necessaria Java Script. Se non si desidera o può attivare Java Script può utilizzare il link sottostante con possibilità di andare alla pagina del portale informativo dell’amministrazione federale e là per leggere i messaggi.

Portale informativo dell’amministrazione federale

Discorsi

Interviste

Ultima modifica 21.08.2021

Inizio pagina